S. Quirino – S. Pietro al Natisone (Špietar)

Itinerario 2: alle falde del Matajur, tra l’Alberone e il Cosizza

La data di costruzione dell’attuale edificio è certa: 1493, come recita la “firma” del maestro Pirich (o Petrič) scolpita in una pietra murata nell’abside. Anche in questo caso ci troviamo di fronte ad una splendida realizzazione della scuola di Škofija Loka.

Nel presbiterio poligonale con soffitto a rete di costoloni troviamo diversi affreschi e raffigurazioni dei santi patroni della chiesa.

All’esterno dell’edificio sacro, in epoca patriarcale e veneziana, sotto i tigli che un tempo ombreggiavano la chiesetta, si riunivano la Banca di Antro e l’Arengo grande della Slavia, una sorta di parlamento con ampie competenze non solo amministrative ma anche sull’amministrazione della giustizia.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi